Daria R. – Canada

anno scolastico estero canada daria 3

Ciao, mi chiamo Daria!
Sono nata a Milano e vivo a San Donato Milanese.
Prima di partire per l’Anno Scolastico all’Estero in Canada frequentavo il liceo delle scienze umane presso l’istituto Maria Ausiliatrice di Milano.

anno scolastico estero canada dariaIl mio Anno Scolastico all’Estero in Canada

Ho frequentato il mio 4° Anno Scolastico all’Estero in Canada presso la Seycove Secondary School a Vancouver, Canada. Sono partita il 26 Agosto 2014 e tornata il 2 Luglio 2015, vivendo così per poco meno di un anno (10 mesi).

Perchè ho deciso di fare l’Anno Scolastico all’Estero in Canada

L’idea di partire e migliorare il mio inglese in un Paese lontano kilometri è stata una delle motivazioni che mi hanno spinto a voler partire; oltre a questo, comunque, c’era anche il fattore curiosità e avventura che è sempre stato parte integrante della mia vita.

Fin dalle elementari sono stata abituata a stare lontano di casa per brevi periodi, anche da sola e all’estero perciò la paura di provare nostalgia una volta partita era quasi inesistente; un’altra certezza che avevo era la mia capacità di adattamento a qualsiasi situazione, stile di vita o abitudini alimentari; al contrario, però, temevo di non riuscire ad adattarmi con gli altri studenti.

Come mi sono trovata con la mia host family canadese

Per mia fortuna la host family che mi era stata assegnata fu disponibile e gentilissima fin dal primo giorno, facendomi sentire a mio agio e parte della famiglia. Appena arrivai mi deliziarono con salmone fresco alla griglia cucinato dall’hostdad e patate al forno come contorno; nei giorni seguenti la hostmum mi mostrò tutto il quartiere, scorciatoie, suggerì posti da visitare nelle prime settimane, offrì di accompagnarmi in giro, insomma, tutto ciò che una vera mamma avrebbe fatto con un figlio proprio.

anno scolastico estero canada daria 3La Scuola Canadese: com’è e che differenze ci sono rispetto all’Italia

La scuola canadese, sfortunatamente, iniziò dopo 3 settimane dal mio arrivo in territorio canadese a causa di uno sciopero durato più di 3 mesi, (non accadeva da anni, questo non ha comunque influito sullo svolgimento del programma) in ogni caso, fin dal primo giorno di scuola capì che le differenze che avrei trovato dalla mia scuola italiana erano evidenti: i famosi armadietti, classi diverse a ogni materia, lezioni più lunghe, più pratica che teoria, la grande mensa, meno compiti e, cosa più importante dal mio punto di vista, la possibilità di conoscere tutti gli studenti della scuola. Non solo queste furono le differenze; le materie disponibili erano tutte da scoprire.

È fantastico come, fin dalle superiori, gli studenti della scuola canadese possano scegliere materie come Fotografia, Cucito, Cucina, Falegnameria o Metalmeccanica; in più, molte delle materie che in Italia sono considerate da quasi tutti gli studenti noiose, in Canada diventavano interattive rendendo l’apprendimento più divertente e approfondito.

Spesso, da quando sono tornata in Italia, mi è stato chiesto come sia stata questa esperienza in Canada e la mia risposta, sempre e spontanea è: grandiosa. Grazie a quest’avventura ho avuto la possibilità di conoscere persone meravigliose, su cui, sono sicura, posso contare sempre, giacché condividiamo un’esperienza che non scorderemo mai e che ci ha cambiato a vita.

anno scolastico estero canada daria 2Cosa mi porto dietro dal mio Anno Scolastico in Canada

Seppure dirò sempre che, senza alcune persone, quest’esperienza non mi avrebbe dato le stesse emozioni, devo affermare che il beneficio più grande che ho ottenuto l’ho raggiunto da sola: conseguire il diploma canadese. Non è stato facile, ho dovuto seguire due corsi nella stessa ora, seguirne uno online e dare esami per materie che non avevo mai studiato, eppure non ho mai mollato perché ero determinata a ottenere il mio diploma canadese. Grazie alla mia hostsister, che frequentava il grade 10, sono riuscita ad ottenere alcune prove d’esame di grade 10 che avrei dovuto sostenere dopo poche settimane e ci siamo trovate, più volte, ad aiutarci a vicenda. Alla fine dell’anno sono anche riuscita a ottenere il diploma canadese per Honour Roll per la media scolastica e un attestato di eccellenza per il mio contributo alla classe dell’yearbook (a mio parere una della materie facoltative più stimolanti, divertenti e utili per socializzare con i compagni canadesi).

Personalmente non ho grandi consigli per i futuri avventurieri altro che godersi a pieno l’esperienza, staccarsi il più possibile dai connazionali, organizzarsi al meglio lo studio e divertirsi, tanto, perché, è vero che andiamo li per studiare ma se ci focalizzassimo solo su quello perderemmo tutto il resto.

Ci sarebbero milioni di altri avvenimenti bellissimi avvenuti in questo anno in Canada ma se dovessi sceglierne uno che sono sicura non scorderò mai è quando Freddie Highmore è venuto nella nostra scuola con una troupe cinematografica per filmare alcune scene del telefilm “Bates Motel”; inizialmente non ero a conoscenza ne di cosa fosse ne di chi fossero gli attori eppure, dopo alcune ricerche, tutto era chiaro e, dopo la fine della scuola, quando non c’era quasi più nessuno nell’edificio e dopo aver parlato con il regista, mi è stato concesso di fare una foto con lui e ottenere un autografo. Non sarà stata una delle star più famose di Hollywood ma era comunque una situazione unica e che mai sarebbe accaduta se fossi restata in Italia.

La mia opinione su YouAbroad

YouAbroad mi ha aiutato molto durante la mia permanenza in territorio canadese e, ogni volta che avevo bisogno d’aiuto, in ambito scolastico e non, sapevo sempre che mi bastava scrivere un’email e, ovviamente considerando il fuso orario, in poco tempo avrei ricevuto una risposta; in più sono stati più che bravi nell’abbinare il mio carattere alla hostfamily permettendomi di sentirmi a mio agio e come se non avessi mai lasciato la mia famiglia.

Personalmente mi sento di consigliare a chiunque ne abbia le possibilità e voglia, di affrontare questa esperienza perché ti cambia, ti forma e ti aiuta a crescere facendoti capire, un po’ in anticipo, cosa voglia dire vivere lontani da casa, magari ora il Canada sembra troppo lontano, ma chissà mai cosa ci riserverà il futuro!