Il College americano tra sogno e realtà raccontato da Francesca

Francesca Scopello YouAbroad

Lei è la nostra Francesca, exchange student (class of 2014) nello stato di Washington. Dopo aver trascorso il suo anno all’estero negli States è rientrata in Italia per diplomarsi al liceo classico, ma l’amore verso questo Paese e i legami creati durante l’esperienza l’hanno riportata negli Stati Uniti, dove ora vive da due anni e studia finanza al Westminster College – UT.

Francesca Scopello YouAbroad

Le abbiamo chiesto di raccontarci come sta andando il suo percorso universitario e quanto l’anno trascorso all’estero le abbia dato quella marcia in più per raggiungere i suoi obiettivi e le abbia permesso di crescere e riscoprirsi.

Lasciamo la parola a Francesca, per raccontarci qualcosa di più su di se e sul suo percorso all’estero.

“Mi chiamo Francesca, ho 21 anni e da due anni vivo a Salt Lake City, nello stato dello Utah. Qui frequento il secondo anno al Westminster College, con un major in Finanza e un minor in Economia, mi laureerò nel 2020. Prima di trasferirmi negli Stati Uniti ho completato in Italia il mio percorso scolastico al liceo classico Cavour di Torino”.

Ci racconti come sta andando la tua esperienza di studio in un College americano?

Sta andando molto bene! Ogni giorno imparo qualcosa che posso applicare nella vita reale e, in futuro, nella mia carriera lavorativa. Il Westminster College è una scuola piccola per gli standard americani, conta circa 3000 studenti.

Grazie alle sue dimensioni ridotte permette un rapporto molto personale con i professori, che mi chiamano per nome, conoscono la mia storia, i punti di forza del mio carattere e le mie debolezze. Devo ammettere che questi due anni sono stati impegnativi: vivere con dei coinquilini non è sempre semplice, ma mi stanno insegnando molto su me stessa e mi stanno facendo scoprire aspetti del mio carattere che non conoscevo.

Come ti sei preparata per l’ammissione?

Prima di tornare in Italia ho chiesto agli insegnanti della mia High School americana di scrivermi delle lettere di raccomandazione e, una volta tornata, ho sostenuto il TOEFL e l’ACT. Ho completato l’application per l’ammissione, scritto i temi necessari e mandato i punteggi dei miei esami alle Università americane di mio interesse.

Cos’hai provato nel momento in cui hai saputo di essere stata ammessa, te lo aspettavi?

A essere sincera non me lo aspettavo, prima di ricevere i responsi ero un po’ scoraggiata, da un lato i miei professori in Italia erano contrari al fatto che andassi a studiare all’estero e dall’altro stavo  iniziando a perdere fiducia nelle mie capacità. Ma non bisogna scoraggiarsi! Quando ho ricevuto la prima risposta positiva, non ci potevo credere, ho pianto dalla gioia. Il giorno seguente, quando ero a scuola, mi sembrava di camminare a 10 metri da terra.

Francesca Scopello retreat CollegeHai ricevuto qualche riconoscimento particolare durante il tuo percorso di studi?

Sì, ho vinto tre borse di studio al Westminster College e sono nella Dean’s List, degli studenti più meritevoli, da tre semestri consecutivi. Lo scorso autunno ho ottenuto un 4.0 di media, il massimo possibile, e ho ricevuto le congratulazioni del presidente del College.

Cos’hai imparato e cosa stai imparando durante questa esperienza?

Mi sto rendendo conto di essere più forte di quanto credessi e che gli anni di liceo in Italia non mi hanno permesso di emergere per chi sono veramente; grazie all’esperienza negli Stati Uniti ho avuto modo di scoprire i miei veri interessi e i miei punti di forza.

Stai svolgendo qualche attività extracurriculare al College?

Sì, tantissime, i college americani offrono moltissime opportunità per perseguire i propri interessi ed è davvero stimolante!

Ho creato un gruppo di studentesse di finanza di cui sono a capo. L’idea è nata dopo una conversazione con una mia professoressa: quello della finanza è un campo dominato prevalentemente dagli uomini, e questo porta le donne a sentirsi spesso in competizione con i colleghi. Confrontandomi con la mia professoressa è emerso che molte ragazze condividevano le mie stesse emozioni, così ho deciso di creare un gruppo di supporto: ci incontriamo per un caffè, parliamo di come sta andando il semestre, guardiamo le TED Talks e ne discutiamo.

La stessa professoressa mi ha proposto di far parte del team per la CFA Institute Research Challenge del prossimo anno, una competizione universitaria a livello mondiale che permette agli studenti di mettere in pratica quanto appreso tramite l’analisi finanziaria di un’azienda e presentando il loro elaborato a una giuria dedicata. Questa è un’opportunità meravigliosa per applicare ciò che sto imparando all’Università, è molto impegnativo, ma non vedo l’ora di iniziare!

Ho appena cominciato il percorso per essere assunta come stagista da Goldman Sachs, i miei professori mi stanno aiutando nel processo supportandomi e dandomi la carica per continuare in questo percorso molto impegnativo.

Sono anche ambasciatrice per il College, mentore per i ragazzi del primo anno e Student Leader nel Women Tech Council.

Ci racconti un momento che non scorderai degli anni finora passati al College?

Ottima domanda! Ce ne sono molti, ma probabilmente il più memorabile è stato la prima volta che ho ricevuto un voto ad un esame: essendo la prima volta che sostenevo un esame universitario in inglese ero un po’ agitata e non sapevo cosa aspettarmi , ma quando il mio professore di macroeconomia ha commentato: “Great job, I am so glad you’re in my class! Keep up with the awesome work!” tutte le preoccupazioni sono svanite.

Francesca Scopello primo giorno di CollegeOra qualche domanda sulla tua esperienza negli USA come Exchange Student. Da chi è nata l’idea di intraprendere l’esperienza all’estero?

L’idea è nata da me e i miei genitori mi hanno sempre supportata: erano molto felici che la loro figlia quindicenne avesse deciso di intraprendere questo tipo di esperienza. Quando ho detto per la prima volta ai miei genitori di voler prendere parte a un programma High School, mi hanno aiutato a cercare un’organizzazione, sono venuti con me alle presentazioni e mi sono sempre stati vicino.

Quale consiglio daresti ai futuri exchange student che vogliono intraprendere il tuo stesso percorso?

Non dovete avere dubbi ed essere scuri al 100% di voler intraprendere questo percorso con tutti i lati positivi e negativi che potrete riscontrare.

Potrete incontrare alcuni ostacoli e imprevisti, ma non scoraggiatevi e non gettate la spugna al primo problema. Una volta che avrete iniziato il programma, uscite dalla vostra comfort zone e cercate di trarre il massimo da questa magnifica esperienza, imparando qualcosa di nuovo ogni giorno!

Quanto pensi che il fatto di aver studiato all’estero ti abbia dato una marcia in più nel raggiungere quest’importante traguardo?

La mia esperienza all’estero ha cambiato la percezione che avevo di me stessa, e mi ha dato una marcia in più all’Università. Ho una mentalità molto più aperta, mi adatto ai nuovi ambienti molto più velocemente, non ho più paura di esprimere la mia opinione e di mettermi in gioco.

Consiglieresti YouAbroad a un futuro studente e perché?

Assolutamente si! YouAbroad mi ha aiutato dal primo all’ultimo momento, sono sempre stati disponibili a rispondere a ogni mia domanda e a supportarmi!

Noi facciamo un grandissimo in bocca al lupo a Francesca per tutto ciò che le riserverà il futuro e speriamo che la sua esperienza possa essere di stimolo per tanti altri studenti italiani desiderosi di mettersi alla prova per realizzare i propri sogni!

Per scoprire di più sul programma scolastico all’estero che Francesca ha vissuto negli Stati Uniti d’America, visita la sezione Anno Scolastico all’Estero!