Alessia C. – Semestre a Tewantin, Queensland, Australia

anno scolastico estero exchange student Australia

anno scolastico estero exchange student Australia

Perché partire per un’esperienza all’estero

Ho deciso di partire perché volevo mettermi alla prova, uscire dalla mia “comfort zone”, spingermi oltre i miei limiti per superare la mia timidezza e diventare una persona più matura, responsabile, autonoma, indipendente ed intraprendente. Inoltre volevo conoscere una cultura totalmente diversa dalla mia ed incontrare persone provenienti da tutto il mondo.

Ho scelto il programma YouChoose perché mi ha permesso, scegliendo la scuola, di vivere 6 mesi in un posto completamente diverso dalla mia città natale, in quello che è sempre stato il posto dei miei sogni, ossia in riva al mare, a stretto contatto con la natura.

Ho scelto l’Australia perché è un paese bellissimo di cui, prima di partire, conoscevo poco o nulla. E’ molto vario dal punto di vista naturalistico ed ha flora e fauna uniche al mondo. Ho scelto questa destinazione anche perché si tratta di un paese estremamente multiculturale e questo mi ha permesso di tornare in Italia arricchita non soltanto dalla cultura e dalle tradizioni del mio paese ospitante ma anche da quelle dei paesi di origine di tutti gli amici internazionali che ho conosciuto lì.

Trascorrere sei mesi all’estero mi ha cambiato più di quanto potessi immaginare. Quest’esperienza mi ha aiutato a superare la mia timidezza nei rapporti con i miei coetanei, a capire l’importanza delle piccole cose, mi ha fatto comprendere il vero significato della parola “famiglia”, mi ha insegnato a credere di più in me stessa, a conoscermi e ad accettarmi per quello che sono, ma anche a spingermi sempre oltre i miei limiti, a diventare più indipendente e intraprendente. Ora non lascio più che le mie ansie e preoccupazioni vivano la mia vita al mio posto.

L’esperienza di Alessia in Australia, la scuola e la Famiglia Ospitante

anno scolastico estero exchange student Australia con YouAbroadEssere un exchange student mi ha fatto capire che casa non è un posto ma un sentimento e che gli amici, quelli veri, continuano ad esserci per te nonostante tu sia a chilometri e chilometri di distanza, per questo, dopo quest’esperienza, ho deciso di non limitare la mia scelta universitaria ad un contesto italiano, ma di scegliere l’università che fa per me indipendentemente dal posto in cui è situata, perché ora so che ci si può sentire a casa anche nel posto più piccolo del mondo e che i miei amici non smetteranno mai di supportarmi o di aiutarmi nei momenti di difficoltà solo perché sono lontana.

Di momenti emozionanti ce ne sono stati davvero tantissimi…così tanti che è impossibile per me sceglierne uno solo! Dal primo incontro con la mia host family al momento in cui ho salutato la mia host sister, dal primo giorno di scuola alla prima uscita con la mia prima amica australiana, da quando ho visto per la prima volta un koala a quando ho nuotato con gli squali e le tartarughe marine… per questo direi che il momento più emozionante dell’esperienza è l’esperienza stessa. 

Della scuola australiana ho apprezzato particolarmente la possibilità di scegliere le materie in base ai propri interessi e l’importanza che gli insegnanti danno all’aspetto “pratico” dello studio, alle ore di laboratorio ed alle gite extra-scolastiche. La mia famiglia ospitante era composta da due genitori di circa 55 anni e da una host sister brasiliana della mia età.

Ho instaurato un rapporto bellissimo soprattutto con la mia host sister che, essendo anche lei un exchange student, mi capiva perfettamente e mi ha aiutato moltissimo a superare i momenti di nostalgia all’inizio dell’esperienza. Il nostro rapporto non è cambiato da quando siamo tornate rispettivamente in Italia ed in Brasile ed ancora oggi ci sentiamo tutti i giorni. Quest’anno sarebbe dovuta venire a trovarmi a Roma, ma a causa dell’emergenza sanitaria abbiamo rimandato all’estate prossima.

L’esperienza da Exchange Student con YouAbroad 

semestre scolastico estero exchange student AustraliaCon Youabroad mi sono trovata davvero benissimo! Il team di YA mi ha aiutato in ogni piccola difficoltà senza farmi sentire mai da sola. Sono tutti molto disponibili e sempre pronti a supportarci in ogni situazione.

Il team fa davvero di tutto per rendere quest’esperienza la più bella della nostra vita. Ciò che penso contraddistingua questa associazione dalle altre è l’enorme attenzione ed importanza che Youabroad da al benessere di noi ragazzi e l’atmosfera di “famiglia” che si instaura non solo tra support team ed exchange student ma anche tra gli ambassador e i ragazzi in partenza.

Un solo consiglio è troppo poco ecco un paio di cose che io stessa avrei voluto sapere prima di partire e che ci terrei a trasmettere  ai futuri Youabroaders:

1 – I momenti di nostalgia ci saranno, ma sono provvisori ed è proprio affrontarli e superarli da soli che vi farà crescere.

2 – Non abbiate fretta di avere “tutto subito”, non pretendete di instaurare immediatamente un rapporto profondo con la vostra host family o di avere subito mille amici…per costruire una relazione profonda e duratura ci vuole tempo!

3 – Gli amici, quelli veri, vi aspettano anche se siete dall’altra parte del mondo.

4 – Vivete ogni giorno come se fosse l’ultimo nel vostro paese ospitante, buttatevi sempre più fuori dalla vostra “comfort-zone” e godetevi ogni singolo momento perché il tempo vola!