Il semestre in Canada di Giulia e il suo percorso alla Simon Fraser University (SFU) di Vancouver

exchange student Canada anno all'estero

Nel 2018, la nostra Giulia è partita per un semestre che le ha cambiato la vita: grazie alla sua esperienza alla Burnaby South Secondary School di Vancouver è riuscita ad entrare alla prestigiosa università canadese Simon Fraser University, dove si sta laureando in Economia e Commercio.

exchange student Canada anno all'estero

Abbiamo contattato Giulia e le abbiamo chiesto di raccontarci come sta andando il suo percorso universitario canadese e come il semestre trascorso a Vancouver da Exchange Student con YouAbroad le abbia dato quella marcia in più per questo grande passo. Lasciamo la parola a Giulia!

É passato un po’ di tempo dalla tua esperienza all’estero, ci racconti un po’ di te e della tua esperienza da Exchange Student in Canada?

Abbiamo contattato Giulia e le abbiamo chiesto di raccontarci come sta andando il suo percorso universitario canadese e come il semestre trascorso a Vancouver da Exchange Student con YouAbroad le abbia dato quella marcia in più per questo grande passo. Lasciamo la parola a Giulia! É passato un po’ di tempo dalla tua esperienza all’estero, ci racconti un po’ di te e della tua esperienza da Exchange Student in Canada? “Ciao a tutti! Mi chiamo Giulia e vengo da Milano. Ho trascorso sei mesi a Burnaby, alle porte di Vancouver, da gennaio a giugno 2018. Attualmente sono a Vancouver, dove frequento il primo anno del mio Bachelor of Economics alla Simon Fraser University (SFU). Ho deciso di partire perché moltissimi amici e conoscenti mi raccontavano di quanto fossero stati entusiasti della loro esperienza all’estero. Inoltre, siccome frequentavo il liceo linguistico, ho pensato che andare in un paese anglofono mi avrebbe aiutato a migliorare l’inglese e infatti cosi e stato. Al momento del colloquio informativo, ero partita con l’idea di voler partire per massimo tre mesi verso una destinazione europea, come Irlanda o UK; tuttavia, dopo aver sfogliato il catalogo delle destinazioni e delle High School del Programma YouChoose, ho deciso che avrei passato sei mesi in Canada.” Come ti ha cambiata il Semestre in Canada? “Oltre ad avere indubbiamente migliorato la mia conoscenza dell’inglese, la mia esperienza come international student mi ha cambiato moltissimo dal punto di vista personale, direi che mi ha proprio aperto la mente. Prima di partire, tendevo a fare troppo affidamento alle persone a me più vicine, come i miei genitori ed i miei professori, mentre durante i sei mesi all’estero ho imparato a diventare più indipendente e a non avere paura di essere da sola davanti alle difficoltà. Durante il mio ultimo anno di liceo in Italia, non c’è stato un singolo giorno in cui io non abbia pensato alla fortuna e alla grande opportunità che ho avuto nel potere partire con YouAbroad. Ho potuto visitare luoghi di Vancouver in cui hanno girato film e serie TV, ho sciato sulle piste dove hanno fatto le olimpiadi invernali del 2010 e ho addirittura fatto surf nell’Oceano Pacifico a inizio maggio. Penso che il momento più bello dell’esperienza sia stato andare al Prom (il ballo di fine anno per la graduating class) e ricevere un “promposal” (ndr. La proposta di andare insieme al ballo) il giorno prima. Mi ricordo che mentre io e le mie amiche ci preparavamo per la serata io pensavo che se fossi rimasta in Italia un momento del genere non lo avrei mai vissuto. Parliamo di Università, la Simon Fraser University è una prestigiosa università canadese: com’è nata l’idea di proseguire gli studi proprio lì? L’idea di ritornare in Canada dopo il liceo era nata in me mentre stavo ancora frequentando la Burnaby South Secondary School: dopo avere visitato il campus della SFU con i miei amici durante un pomeriggio, mi sono decisa a voler ritornare qui a tutti i costi dopo la maturità. Credo che la mia esperienza da Exchange Student abbia contribuito in maniera essenziale al fatto che io, una volta tornata, abbia mandato la mia application a SFU ancora prima di avere iniziato la quinta. Consiglieresti un’esperienza da Exchange Student con YouAbroad? Che consiglio daresti ai futuri studenti? Mi sento di consigliare assolutamente YouAbroad perché ho apprezzato moltissimo il supporto che mi è stato dato dal colloquio informativo fino al rientro in Italia. Ai futuri Exchange Students o a chi ancora non lo è ma sta pensando di diventarlo, dico di non avere paura di buttarsi e intraprendere questa esperienza. So che può sembrare come un salto nel vuoto all’inizio, ma credo anche che valga la pena farlo, soprattutto perché, come nel mio caso, l’esperienza all’estero può sicuramente aiutare a fare scelte importanti sul proprio futuro, tra cui quella degli studi universitari. “Ciao a tutti! Mi chiamo Giulia e vengo da Milano. Ho trascorso sei mesi a Burnaby, alle porte di Vancouver, da gennaio a giugno 2018. Attualmente sono a Vancouver, dove frequento il primo anno del mio Bachelor of Economics alla Simon Fraser University (SFU).

Ho deciso di partire perché moltissimi amici e conoscenti mi raccontavano di quanto fossero stati entusiasti della loro esperienza all’estero. Inoltre, siccome frequentavo il liceo linguistico, ho pensato che andare in un paese anglofono mi avrebbe aiutato a migliorare l’inglese e infatti cosi e stato. Al momento del colloquio informativo, ero partita con l’idea di voler partire per massimo tre mesi verso una destinazione europea, come Irlanda o UK; tuttavia, dopo aver sfogliato il catalogo delle destinazioni e delle High School del Programma YouChoose, ho deciso che avrei passato sei mesi in Canada.”

Come ti ha cambiata il Semestre in Canada?

anno estero Canada exchange“Oltre ad avere indubbiamente migliorato la mia conoscenza dell’inglese, la mia esperienza come international student mi ha cambiato moltissimo dal punto di vista personale, direi che mi ha proprio aperto la mente. Prima di partire, tendevo a fare troppo affidamento alle persone a me più vicine, come i miei genitori ed i miei professori, mentre durante i sei mesi all’estero ho imparato a diventare più indipendente e a non avere paura di essere da sola davanti alle difficoltà.

Durante il mio ultimo anno di liceo in Italia, non c’è stato un singolo giorno in cui io non abbia pensato alla fortuna e alla grande opportunità che ho avuto nel potere partire con YouAbroad. Ho potuto visitare luoghi di Vancouver in cui hanno girato film e serie TV, ho sciato sulle piste dove hanno fatto le olimpiadi invernali del 2010 e ho addirittura fatto surf nell’Oceano Pacifico a inizio maggio. Penso che il momento più bello dell’esperienza sia stato andare al Prom (il ballo di fine anno per la graduating class) e ricevere un “promposal” (ndr. La proposta di andare insieme al ballo) il giorno prima. Mi ricordo che mentre io e le mie amiche ci preparavamo per la serata io pensavo che se fossi rimasta in Italia un momento del genere non lo avrei mai vissuto.

Parliamo di Università, la Simon Fraser University è una prestigiosa università canadese: com’è nata l’idea di proseguire gli studi proprio lì?

L’idea di ritornare in Canada dopo il liceo era nata in me mentre stavo ancora frequentando la Burnaby South Secondary School: dopo avere visitato il campus della SFU con i miei amici durante un pomeriggio, mi sono decisa a voler ritornare qui a tutti i costi dopo la maturità.

Credo che la mia esperienza da Exchange Student abbia contribuito in maniera essenziale al fatto che io, una volta tornata, abbia mandato la mia application a SFU ancora prima di avere iniziato la quinta.

Consiglieresti un’esperienza da Exchange Student con YouAbroad? Che consiglio daresti ai futuri studenti?

anno estero Canada exchangeMi sento di consigliare assolutamente YouAbroad perché ho apprezzato moltissimo il supporto che mi è stato dato dal colloquio informativo fino al rientro in Italia. Ai futuri Exchange Students o a chi ancora non lo è ma sta pensando di diventarlo, dico di non avere paura di buttarsi e intraprendere questa esperienza. So che può sembrare come un salto nel vuoto all’inizio, ma credo anche che valga la pena farlo, soprattutto perché, come nel mio caso, l’esperienza all’estero può sicuramente aiutare a fare scelte importanti sul proprio futuro, tra cui quella degli studi universitari.